giovedì 20 settembre 2012

Ma è normale che .....

sono costretta a stare a casa perchè il venerdì è la giornata di cassa integrazione e sono FELICE?????
Sono sdoppiata :
 mi sento in colpa perchè , porca miseria, questa è una situazione molto delicata, e se continua così non so veramente dove andremo a finire ....
sono serena perchè questa è una giornata che passo a mettere in ordine la casa, mi dedico a tutte quelle piccolezze che sono costretta a tralasciare per mancanza di tempo, posso sperimentare nuove ricette...
 oppure stravaccarmi sul divano e non fare niente !!!!!

immagine scaricata da internet

wooowww che sensazione di libertà ......
sarà colpa dell'età ?????

6 commenti:

  1. Ciao Annalisa,
    nel turbine di cose da fare di corsa durante la settimana, un riposo "forzato", che diversamente non avresti mai preso, è normale che fà piacere, certo la situazione purtroppo non è delle migliori, ma siamo positive dai, ci saranno tempi migliori.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io penso che questo periodo passerà ^.^ nel frattempo cerco di sfruttare al meglio queste giornate a "casa".
      Grazie di essere passata e ti auguro un buon week end!!

      Elimina
  2. Ciao !!!
    Sono Maria e faccio la casalinga, infatti, da quando sono sposata, ho rinunciato alla mia carriera di ricercatrice in Pedagogia all'Università di Milano.........
    mi manca il mio lavoro, ma ho acconsentito a un'ESPLICITA richiesta di mio marito.......
    Comunque, anche la vita DI casalinga a volte è pesante e noiosa....
    Mio marito è stato nove mesi in cassaintegrazione e adesso che ha ripreso a lavorare è sempre a pezzi......
    Buona giornata!!!!
    Maria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te, a volte stare a casa può essere noioso, ma io che lavoro da una vita, queste giornate sono OK !!
      Meno male che tuo marito ha ripreso a lavorare, mio fratello è in CIG da 2 anni °-°
      Ti abbraccio e buon fine settimana .... smackkkk

      Elimina
  3. Io ti capisco benissimo, per tre anni sono stata in contratto di solidarietà con un giorno a settimana a casa e mi sentivo esattamente come te: contenta e in colpa per essere contenta, vista la situzione. Da alcuni mesi la situazione per me è peggiorata, nel senso che prosegue il contratto di solidarietà per un altro anno, ma lavoriamo a tempo pieno...non so se rendo l'idea...
    Mariagrazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La rendi eccome l'idea °-° anche da noi è così.... si lavora GRATIS !!!
      Poveri noi costretti a subire..... questa è la prima volta che dopo 20 anni non hanno il coraggio di dirmi niente.... e io STO A CASA !!!!!
      un abbraccio forte

      Elimina